Romanico a Lecco

Romanico a Lecco: un salto indietro nel tempo tra sacro e profano

La straordinaria presenza di chiese, conventi, monasteri, abbazie, antiche cappelle, il territorio intorno alla cittadina di Lecco, già nota per la bellezza del suo Lago e delle sue montagne, un territorio ricco di storia, arte e spiritualità.
Gli edifici romanici, inseriti in un ambiente suggestivo, testimoniano la capacità dell’uomo medievale di esprimere una piena armonia tra architettura e natura, creando luoghi di grande bellezza.
Il tema del Romanico rappresenta infatti un fil rouge che conduce il visitatore attraverso i diversi contesti naturalistici e paesaggistici della provincia, alla scoperta di straordinarie testimonianze architettoniche e archeologiche, risalenti ai primi secoli del primo millennio.

Lungo la riva orientale del Lago sono presenti diversi monumenti del romanico tra cui l’incantevole Chiesetta di S. Giorgio a Mandello del Lario, incastonata sopra una roccia a picco sull’acqua.
Per un vero viaggio indietro ai tempi medievali una tappa fondamentale è la sosta all’Abbazia di S. Nicolò a Piona, affacciata e protetta nella omonima baia. L’abbazia, con chiostri silenziosi che incentivano al riposo della mente e del corpo, risale all’epoca longobarda.
Meravigliosi esempi di edifici medievali punteggiano anche il panorama del Parco dell’Adda e del Parco del Curone, disegnando sulle colline della Brianza un profilo storico di grande rilievo.
Incalcolabile infine il valore di cappelle, piccole chiese e basiliche sparse per le valli e i monti di queste terre: non avranno un altissimo valore storico, nei materiali, nelle firme dei progettisti e negli abbellimenti; sono però esempi di come il territorio conserva le sue radici, un patrimonio unico al mondo.

Altri Suggerimenti

Ti Piace? Scopri Tutto!

X