In bici da Menaggio a Porlezza

Dal Lago di Como al Lago di Lugano lungo le tracce dell’ ex-ferrovia

Questo itinerario segue il tracciato della ferrovia che dal 1884 al 1939 ha collegato Menaggio con Porlezza, località affacciata sul Lago di Lugano. Il percorso si sviluppa nella Val Menaggio, perlopiù su fondo asfaltato e tocca la riserva naturale Lago di Piano.

Luogo di partenza: Menaggio
Lunghezza: km 13,5
Tempo di percorrenza: 1 ora
Grado di difficoltà: facile

L’inizio del percorso è presso la vecchia stazione ferroviaria di Menaggio, che si trovava nei pressi dell’imbarcadero; da qui proseguire verso l’ostello, continuare per circa mezzo chilometro e al tornante girare a destra e salire la ripida strada che segue il fianco del Monte Crocetta.
Proseguendo la salita, si raggiunge l’imbocco della ciclopedonale: il percorso si addentra nella valle, passando per una galleria lunga 90 metri che porta a Grandola ed Uniti.
Il percorso prosegue attraverso le frazioni sulla strada condivisa con le auto, fino alle indicazioni per la pista ciclabile verso Bene Lario/Grona.
Si costeggia quindi una piana tranquilla, abbracciata dal Monte Crocione e dal Monte Galbiga. Nei pressi del paese di Grona la pista si interrompe, tornando quindi sulla strada carrabile. Il percorso riservato alla biciclette riprende nei pressi del cartello che indica il Lago di Piano. Superato un tratto nel bosco, si entra nell’area della Riserva Naturale Lago di Piano. Dopo il campeggio, si può raggiungere la riva del lago, un’area pic-nic e il punto informazioni del parco.
Si riprende poi la pista ciclabile, superando un ponte di legno sopra il fiume Cuccio. Seguendo il corso del fiume si arriva ad incrociare la strada principale. Seguendo poi la direzione del fiume dalla strada, si raggiunge il complesso Porto Letizia, affacciato sulla riva del Lago di Lugano. Per rientrare a Menaggio, percorrere lo stesso itinerario.

Una curiosità: la linea ferroviaria permetteva, ai turisti del Nord Europa, di raggiungere il Lago di Como attraverso la Svizzera. Arrivati a Lugano in treno, i turisti erano trasferiti in battello a Porlezza e poi il treno li portava verso il Lario. Dopo la Prima Guerra Mondiale era utilizzata dai frontalieri, fino alla chiusura della linea nel 1939. Per raggiungere la località Cardano la linea ferroviaria si dirigeva dapprima verso sud in direzione di Griante, poi tornava indietro per proseguire in direzione nord. Ciò consentiva di superare il dislivello fra Menaggio e Cardano, grazie ad una particolare manovra definita “regresso”: giunti al piazzale di manovra, i vagoni venivano frenati e la locomotiva veniva staccata per raggiungere una piattaforma girevole dove si invertiva la direzione di marcia. Quindi la locomotiva tornava su un altro binario ad agganciare la coda del convoglio e ripartiva.

Menaggio Imbarcadero

Altri Suggerimenti

Ti Piace? Scopri Tutto!

X